Pubblicità e contenuti giornalistici sul digitale in People

La pubblicità sulla pagina Twitter del giornale. Grande, a coprire lo spazio solitamente lasciato a iniziative autopromozionali. Lo ha fatto People StyleWatch, derivazione del settimanale People.

Ma riprendo un post di Futuro dei Periodici del 16 settembre scorso. Riportava una notizia che riguarda Time Inc., il maggiore editore di periodici negli Usa. La società ha annunciato una revisione delle strategie di raccolta della pubblicità nei propri magazine. La Ceo Laura Lang spiegava che gli inserzionisti potranno utilizzare diversamente il canale digitale delle testate. E altre cose. Arriva ora questa prima cosa di People, magazine di Time Inc.

M’interessa perché: 1) mi fa pensare alle polemiche scoppiate in alcune case editrici italiane quando l’editore ha deciso di utilizzare i siti di testata innanzitutto come contenitori di iniziative autopromozionali e pubblicitarie.

Il punto: è il solito, e cioè se il digitale dei magazine sia destinato ad avere una bassa densità di contenuto giornalistico e una componente principalmente promozionale, social, pubblicitaria e votata a una funzione di raccordo con i lettori attraverso eventi, concorsi, casting.

Ad Age: come People fa pubblicità su Twitter

Contrassegnato da tag , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...