Nel 2012 pubblicati 870 nuovi periodici negli Usa. Quasi tutti di nicchia.

Per gli editori statunitensi quello che abbiamo lasciato alle spalle è stato un anno di lanci. Complessivamente si contano 870 nuovi periodici. Per trovare un’annata altrettanto prolifica bisogna tornare al 2007. Ma si tratta di pubblicazioni spesso di nicchia. E i grandi editori sono rimasti ai margini del gioco.

Questo post è anche l’occasione per presentare un personaggio interessante e curioso, il professore Samir Husni, direttore del Magazine Innovation Center della School of Journalism all’Università del Mississipi. Il professor Husni, bizzarro e simpatico perché si vanta di possedere 28 mila prime edizioni di periodici e mille cravatte, è l’autore del popolare sito Mr. Magazine, e da 24 anni si occupa di lanci di periodici. Viene spesso intervistato, citato e invitato a eventi dai maggiori editori americani.

Nel 2012 il numero complessivo è stato di 870 lanci. Parliamo di settimanali, quindicinali, mensili, bimestrali, speciali, prodotti dalla periodicità più dilatata, irregolare, o di book-a-zine, libri realizzati utilizzando in parte articoli già usciti. Sono prodotti editoriali tutti rigorosamente di carta e distribuiti in edicola. Delle 870 pubblicazioni, 242 escono con frequenza regolare.

Sono dati che correggono e integrano quanto è stato scritto da Media Finder nelle scorse settimane, che contava negli Stati Uniti e in Canada 195 lanci nel 2012, come segnalato anche da Futuro dei Periodici.

870 nuove pubblicazioni. Per ritrovare numeri simili bisogna tornare al 2007, quando i lanci furono 715, con 248 pubblicazioni dall’uscita regolare. Un segnale di fiducia nel futuro dei periodici di carta?

Al riguardo riporto alcune frasi del professor Husni pubblicate nei giorni scorsi dal New York Post. Si spiega che i lanci del 2012 hanno coinvolto i piccoli editori e riguardano soprattutto giornali di nicchia.

Il modello di business è completamente cambiato. Gli editori non cercano di vendere un milione di copie a 2,99 dollari. Cercano di vendere 50 mila o 100 mila copie a 12,99 dollari”.
“Mentre i grandi editori si sono astenuti dai lanci, gli altri hanno scoperto periodici ad alto prezzo e senza pubblicità, e i book-a-zine dedicati a un argomento e realizzati con materiale in parte già pubblicato”.

A chi volesse vedere quali sono le riviste lanciate nel 2012, consiglio di leggere questa serie di post nel blog di Husni, Mr. Magazine: ci sono anche tutte le copertine.

Tra l’altro l’autore ha segnalato a fine 2012 i 5 nuovi magazine che ritiene in qualche modo innovativi o rilevanti. Si tratta di:

Sul gradino più alto del podio Husni mette una testata assai controversa, per possessori di armi: Recoil. Husni fa una premessa di ordine morale, distingue tra il giornale e i fatti tragici legati alla diffusione delle armi negli Usa. Recoil è una testata sofisticata, dalla grafica ricercata, e il primo numero viene già venduto su ebay per 125 dollari.

A parimerito Highlights Hello, un curioso periodico per bambini da… 0 a 2 anni. È fatto con materiali che possono essere piegati, masticati, stropicciati, è insomma più un giocattolo che un periodico, ma ha la forma e le carattersitiche di un giornale.

Al terzo posto c’è Dujour, rivista patinata che individua il proprio lettore tipo in chi, si dice con ironia, ha un reddito di almeno 5 milioni di dollari.

Al quarto posto c’è una rivista innovativa per fanatici del calcio, Howler.

Al quinto posto l’unica rivista di un grande editore (Hearst): Cosmopolitan for Latinas, edizione di Cosmopolitan per le americane di origini e cultura latine.

M’interessa perché: 1) si dice spesso che i giornali di carta sopravviveranno come prodotti di nicchia; 2) anche negli usa i piccoli editori avanzano (penso al successo in Italia di Cairo e Veneziani); 3) c’è vitalità tra gli editori di periodici americani.

Mr. Magazine: 870 lanci, classifica segnalati.

Mr Magazine

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...