Hearst, Elle e l’espansione internazionale

Hearst lancia Elle in Australia. L’ultima mossa dell’editore americano con il più grande impero internazionale di periodici. Il presidente e Ceo Duncan Edwards spiega la logica e gli obiettivi dell’espansione nei mercati esteri, l’insolita alleanza di tre editori per portare Elle in Australia (sono coinvolte Hearst, Lagardère e Bauer Media), i prossimi obiettivi, tra cui la crescita in Europa Occidentale, nonostante il mercato dei periodici sia maturo e la crisi metta in difficoltà la carta stampata.

Duncan conclude con la frase con cui voglio iniziare: la presenza di Hearst in Europa Occidentale, Australia, Bric e altri Paesi (tra cui Pakistan, Egitto, Iran, Indonesia) non è solo una questione di carta stampata. L’investimento riguarda il business tradizionale ma anche il digitale.

It will be a mixture of print but also digital businesses that we’re engaged in—it’s not going to just be a print business that we’re building around the world.

I grandi editori sposano la strategia dell’espansione internazionale, e quando deve entrare in un nuovo mercato Hearst ha in Cosmopolitan il suo marchio apripista. Poi arrivano Harper’s Bazaar ed Elle, testata pubblicata su licenza di Lagardère, con 6 milioni 560 mila copie vendute e 21 milioni di lettori in 44 edizioni sparse per il globo. Ma questo giornale appartiene, appunto, all’editore francese Lagardère, e Duncan spiega come sia possibile gestire un prodotto che, nel lancio in Australia, coinvolge addirittura un terzo soggetto, Bauer Media (ne ho ampiamente parlato in un post recente), gruppo tedesco che lo scorso settembre è sbarcato in Australia acquisendo il principale editore nazionale di magazine (come raccontato a suo tempo).

Il Punto: come ragiona un editore moderno che agisce a livello internazionale.

Chi lo dice: «Minonline, Media Job Center, is the definitive career resource for the publishing community, serving job seekers and employers in all media».

Minonline: Hearst lancia Elle in Australia

minonline

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...