«Come i periodici digitali hanno ucciso i blog»

Partendo dalla notizia di alcuni cambiamenti in Google (l’eliminazione dell’RSS Reader) un blog americano, io9, spiega come le versioni digitali dei giornali periodici stiano uccidendo un modo di leggere le notizie che sembrava essersi affermato con internet. E come vi sia un ritorno al modo tradizionale di accedere ai contenuti informativi: comprare e sfogliare particolari “contenitori” noti a tutti con il nome di: giornali.

Le considerazioni contenute nel post «Magazines have finally killed blogs – but in a way you never expected», «I periodici hanno ucciso i blog ma in un modo che non vi sareste aspettati», s’inseriscono con naturalezza nelle riflessioni di questo sito sulle carattersitiche che rendono i periodici unici, e le arricchiscono.

Lo spunto è la notizia che Google ha eliminato l’RSS Reader, uno strumento che potete vedere anche nella parte bassa di questa pagina, e in quasi tutti i siti web, un servizio che consente di ricevere nelle proprie e-mail una sintesi delle notizie e dei post usciti in uno o più siti e blog. E’ come un bollettino che viene inviato a casa vostra.

Per carità, non voglio scrivere un post per soli appassionati di computer e informatica! Arrivo subito al punto. La decisione di Google sancisce la crisi che ha colpito un modo di raccogliere i contenuti su internet e di leggerli. Quel gettare la propria rete nel mare digitale e tirare a riva tutto il pesce rimasto impigliato nelle maglie, articoli provenienti da fonti diverse ed eterogenee, tutti raccolti in un contenitore, il proprio.

Ma la comparsa delle applicazioni digitali dei giornali, quelle da leggere su tablet, ha cambiato tutto. Oggi chi va alla ricerca di notizie e articoli risparmia tempo, e si diverte di più, se va direttamente nel sito di una testata o scarica l’applicazione del proprio settimanale preferito. Conviene: si ha la certezza di trovare contenuti ben realizzati, omogenei per il linguaggio con cui sono scritti, concepiti secondo un gusto uniforme (si chiama linea editoriale, baby, ce l’hanno anche i giornali di caccia e pesca). Non è la rete piena di pesci di taglie e specie differenti.

Tramonta l’utopia del giornale personalizzato che uno si prepara da sé assemblando di tutto un po’? Un’utopia, perché c’era l’idea sottostante della libertà, della gratuità, dell’essere svincolati dall’industria dei media. Falsi miti? In realtà l’utopia è ancora viva, come gioco, se si pensa al recente lancio di Flipboard 2.0, la app per realizzare da soli un periodico e condividerlo in Rete.

Di certo, conclude il post di io9, c’è un ritorno al passato.

«Maybe this means that the web hasn’t really changed the way we read very much at all. There was a brief deviation, at the turn of the century, when RSS almost changed the practice of reading. But then the old ways of reading took over. Which makes sense. It’s hard to break the habits of half a millennium overnight».

«Forse questo significa che il web non ha cambiato veramente il modo in cui leggiamo. C’è stata una breve deviazione, al passaggio del secolo, quando gli RSS quasi hanno trasformato la pratica della lettura. Ma successivamente il vecchio modo di leggere ha ripreso il controllo. Il che ha senso. Non è facile abbandonare dall’oggi al domani gli usi affermatisi nei millenni».

Il Punto: perché sia preferibile leggere un giornale digitale piuttosto che raccattare informazione gratuita su internet.

Chi lo dice: io9 (we came from the future), a blog launched in 2008 by Gawker Media. The blog focuses on the subjects of science fiction, futurism, and advances in the fields of science and technology. It is edited by Annalee Newitz, a former policy analyst for the Electronic Frontier Foundation and contributor to Popular Science, Wired, and New Scientist.

io9: i magazine hanno ucciso i blog

io9_001_1_700

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...