Ma voi la fareste una versione per iPad delle riviste italiane? – Diffusioni digitali marzo 2013

Poche copie digitali vendute nel marzo 2013 per i periodici italiani. Meno di quel che sembra, se considerate che Io Donna e D – La Repubblica delle donne sono trainate dai quotidiani cui vengono allegate per un piccolo sovrapprezzo. E allora domandiamoci: ma voi la fareste un’edizione per iPad delle riviste italiane? Una versione appositamente disegnata per il tablet, con un’intera redazione grafica dedicata all’impresa? Calcolato a spanne il rapporto tra costo e copie vendute, direi che è meglio lasciar perdere, per il momento.

Questo il link alla tabella sulle diffusioni digitali.

http://www.primaonline.it/wp-content/plugins/Flutter/files_flutter/1368092779Classifica_Ads_sett_marzo13.xls

Prima comunicazione: copie digitali dei periodici italiani nel marzo 2013.
logo_Prima_reasonably_small

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,

4 thoughts on “Ma voi la fareste una versione per iPad delle riviste italiane? – Diffusioni digitali marzo 2013

  1. ste scrive:

    La maggiorparte delle “vedonodigitali” sono solo una versione in pdf di quella cartacea decisamente poco fruibili su tablet da 7 pollici o su smartphone. Fossero tutte come wired us magari

  2. yanek scrive:

    Ma infatti nessuno dei giornali in elenco è una versione specifica per tablet, sono, grosso modo, tutti pdf sfogliabili o poco più. Non si venderanno mai giornali su tablet… se prima non vengono realizzati giornali per tablet (e quando scrivo “per tablet”, non intendo per iPad… ma per tutti i tablet!).
    P.S.
    ma poi, lo avete mail calcolato a spanne il rapporto tra costo e copie vendute di un giornale cartaceo?! Beh, non lo fate… per non prendere paura! I periodici non credo basino la loro sopravvivenza economica sulle copie vendute… ma sulla pubblicità, oggi. Vediamo per quanto ancora…

  3. bach84 scrive:

    Fare una versione per iPad ( o tablet: tutti) è costoso. C’è un mercato che le ripaga? E un editore può investire queste risorse, quando la carta va male ed è prioritario sostenerla con i pochi spiccioli rimasti o con i soldi delle banche? Ma se non investi nel digitale hai un futuro, caro giornale periodico? Viviamo di dilemmi e paradossi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...