Qualcosa sta cambiando in edicola? Dati sulle vendite di periodici

Riprendo le ultime tabelle con le copie vendute dei periodici, dunque i settimanali nell’aprile 2013 e i mensili nel marzo 2013. Sono stati rilasciati da Ads e pubblicati da Prima Comunicazione.

Tre rapide considerazioni.

Guardando ai dati dei settimanali, vedo ancora moltissimi segni “meno” sulle copie vendute. Ma per la prima volta, dopo molti mesi, si vede anche qualche risultato decisamente positivo. Come il +19,9% della rivista di gossip Chi. E l’incredibile +151,2% di Motosprint (probabilmente legato a qualche promozione o evento).

Nei mensili, la situazione è più mossa. Per un’Amica che fa -11,8% ci sono AD +18,6%, Dove +30%, Glamour +5,2%.

I dati sulle copie digitali dei nostri giornali vengono spesso guardati con scetticismo. Certo, i volumi sono bassi e probabilmente del tutto irrilevanti ai fini del buon andamento di una casa editrice. Ma anche qui noto qualche dato interessante nei mensili. Ci sono incrementi percentuali anche notevoli da febbraio a marzo, soprattuto tra i primi in classifica.

MENSILI DIGITALI MARZO 2013

Nei settimanali, dove le copie vendute sono davvero pochissime, se si escludono gli inserti dei quotidiani, sottolineo la performance di Vanity Fair, cresciuto del 27% in un mese, con 14.990 copie.

SETTIMANALI DIGITALI APRILE

Primaonline: settimanali, APRILE 2013.

Primaonline: mensili, MARZO 2013.

Primaonline

Advertisements
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

One thought on “Qualcosa sta cambiando in edicola? Dati sulle vendite di periodici

  1. alessandro scrive:

    Come vorrei che fosse vero! La realtà è molto più complessa e ADS, ma non solo, nascono per renderla tale. Sicuramente saprà che le vendite in blocco ( in parte eliminate), i famosi banded, e le varie promozioni nascono proprio per rendere credibile un assorbimento del prodotto non reale. Per questo motivo gli editori sono in mutande, perché per più di 10 anni hanno venduto fumo. La crisi di oggi e l’abisso che gli editori hanno davanti nell’ambito pubblicitario nasce dal fatto che ora l’inserzionista vuole un arrosto …che non c’è. Per tirare su diffusioni e vendite basta regalare qualche migliaio di buoni, incontrollabili, blindare la vendita di due prodotti, incontrollabile, dire qualche bugia…incontrollabile e vai che c’è il boom di vendita!!! Raccogliamo anni di bugie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...