The Media Quartet – Se ha Senso Parlare di Passaggio al Digitale

The Media Quartet. Il quartetto di media. Quattro media: carta stampata, sito web, tablet e smartphone.
Perché non c’è più quell’idea, che ci ha ossessionati a lungo, in base alla quale ci si deve immaginare l’immediato futuro (dei giornali) come un passaggio al digitale. Passaggio, l’attraversamento di un fiume, lasci un tutto alle spalle.
No. Fino a dove arriva lo sguardo, la carta c’è. E la cosa cui dobbiamo saggiamente pensare è la compresenza di quattro media in uno, il Media Quartet. Pensare al quattro, ideare, realizzare, distribuire, sostenere, tutto moltiplicato per quattro.
Questa espressione, “The Media Quartet”, l’ho trovata in questa recentissima intervista a Mario Garcia, famosissimo designer statunitense (ma di origini cubane) di giornali (molti anche italiani) e docente di giornalismo alla Columbia University di New York.
Dice che i media sono quattro. Esploriamo le potenzialità di ciascun mezzo. Sviluppiamo il racconto giornalistico secondo le regole di ciascuna piattaforma. Come fare? E quanto rapidamente? Sono queste le domande che ci devono ossessionare, secondo Garcia. Il Come, non il Se.
Eh, i Quartetti di Thomas Stearns Eliot:

In my beginning is my end. In succession Houses rise and fall, crumble, are extended, Are removed, destroyed, restored (…)

WAN IFRA
Contrassegnato da tag , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...