«Capitalizzare il Brand Power»

Lo dicono (anche) in Condé Nast Italia, dove è stata presentata una nuova organizzazione aziendale. Roba interna, poco appassionante. Ma c’è una frase che raccolgo nel comunicato della società, e ripropongo, con la tecnica del “cut and paste”. «Capitalizzare il brand»

Tu dici: «Capitalizzare il brand».
E a me vengono in mente tante cose, che ho letto.
Tu dici: «Digitale, video ed eventi. Per capitalizzare il brand».
E io penso: l’ho già sentita.
E ti dico: la scorsa settimana, all’aeroporto di Sydney, il National Geographic ha aperto uno store, con il suo marchio, per vendere riviste, libri, manuali, Dvd, foto e penne con su scritto (“capitalizzare”) il brand.
E due settimane fa il Wall Street Journal ha lanciato un sito di e-commerce con il suo brand («per capitalizzare»).
E anche Vogue da tempo, per tempo, a tempo, ha aperto una scuola di moda a Londra. Allo scopo di…

Futuro dei Periodici

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

4 thoughts on “«Capitalizzare il Brand Power»

  1. Alessandro75 scrive:

    e fanno lavorare il personale 4 giorni alla settimana con gli aiuti di stato… (o del sindacato)?

    più che brand mi ci vorrebbe un brandy

    • bach84 scrive:

      Con gli aiuti di tutti i giornalisti: quelli di Condé Nast si sono tagliati lo stipendio, l’inpgi reintegra una parte. Ma l’inpgi (l’istituto autonomo di previdenza della categoria) usa i contributi che i giornalisti versano ogni mese. Insomma, i giornalisti si aiutano da soli. Lo dico come sempre con amicizia, ma è giusto dare a Cesare etc,

  2. Alessandro75 scrive:

    non solo i giornalisti lavorano nelle case editrici (con amicizia)

    • bach84 scrive:

      Pensavo che si riferisse al contratto di solidarietà dei giornalisti. Ma anche gli ammortizzatori sociali di altre categorie vengono pagati con la contribuzione di chi è assunto. Per tornare alla cosa iniziale, non mi stupisce che un’azienda in crisi, con personale in cassa o solidarietà, cerchi di promuovere e migliorare i suoi prodotti. Gli stati di crisi servono a rilanciare. Altrimenti, per portare i libri in tribunale e chiuder bottega, basta star fermi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...