Archivi tag: consolidator

L’editore tedesco di periodici che aggrega e compra una radio in Gran Bretagna

Bauer Media, gigante tedesco dei periodici presente in vari Paesi europei, negli Usa, in India e in Australia, ha annunciato di aver comprato in Gran Bretagna (dove pubblica Heat e Grazia) la stazione radiofonica Absolute Radio, ex Virgin Radio, di proprieta’ di Times of India Group (che ha speso una montagna di denaro per cambiare il brand della societa’, ex Virgin Radio).

Perche’ riportare questa notizia, cari amici che avete a cuore la sorte dei periodici di carta?

Trovo che la mossa di Bauer Media, di cui qui ci siamo gia’ occupati, offra uno spunto di riflessione.

Anzi, fa nascere domande. Mi chiedo se gli editori di periodici piu’ forti, quelli che, come dice il titolo dell’articolo del Financial Times da cui riprendo la notizia, vogliono fare i consolidatori, vogliono aggregare, non siano a caccia di acquisizioni in altri media per allargare la base degli utenti, mettendo tutto insieme, periodici, radio, tv, per poi vendere pubblicita’ mettendo nelle mani degli inserzionisti tutti i media, un bouquet completo. Sembrava una strada da abbandonare, forse invece ha un senso in un panorama in cui il lettore te lo devi andare a cercare ovunque, perche’ lui, di andare fino all’edicola, di aspettare l’ora del tg, per ricevere notizie, non ha piu’ voglia.

 

Che questo avvenga in un mercato difficile come quello britannico, in cui la chiusura di riviste ha raggiunto livelli e ritmo allarmanti, offre altri spunti sulla diversificazione del business. Ne riparleremo?

Financial Times, Bauer Media compra in Gran Bretagna Absolute Radio.

Financial Times

Financial Times

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

Tre notizie da non perdere sui giornali (21/4/12)

Tre notizie della settimana. The Economist lancia un’app per leggere meglio i giornali. I conti in rosso di Class Editori. Le previsioni di un gigante americano dei periodici.

L’app di Economist: perché le riviste si leggono meglio sul tablet.

L’Economist presenterà a metà maggio un’app gratuita di Google Chrome che permette di riprodurre anche al computer, desk e laptop, l’esperienza di lettura del tablet. L’idea nasce da una richiesta degli abbonati dell’Economist che vogliono una fruizione più coinvolgente e piacevole anche al computer. Ma il punto è questo: con la nuova app è possibile scaricare il giornale e leggerlo successivamente, anche senza avere una connessione a Internet.

L’Economist va in controtendenza rispetto alla maggior parte degli editori i quali, con HTML5, vogliono rendere i siti web dei loro giornali perfettamente leggibili anche su mobile, cioè su tablet e smartphone.

Trovate la notizia su Btobonline.com: l’app di lettura dell’Economist.

I guai di Class Editori. Che pubblica Class, Capital, Milano Finanza, Italia Oggi.

I conti del 2012 si chiudono con una riduzione di un terzo dei ricavi consolidati, passati da 141,3 milioni a 94,3 milioni di euro. Il margine operativo lordo, dall’attivo di 12 milioni, è sceso nell’ultimo anno a -11,7 milioni. C’è una perdita netta consolidata di 12,9 milioni. Tutti i busness sono in contrazione, i periodici soffrono moltissimo con un crollo dei ricavi del 32% e margini (guadagno) negativi.

Trovate l’articolo qui, sul Sole24Ore: il Gruppo Class perde un terzo dei ricavi.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Annunci