Archivi tag: edizione digitale

2/Perché Non si Fanno Giornali per Tablet – Magazine World di Fipp

Il Punto: i giornalisti si lamentano perché gli editori sono lenti nello sviluppare il digitale di periodici e quotidiani. Sembra incredibile che nessuno faccia un’edizione per tablet delle principali testate. E che ci si accontenti di copie da sfogliare in Pdf. Ma come sempre la verità scaturisce al punto d’incontro tra creatività e convenienza economica

Già, la convenienza economica. Ma anche l’interesse dei lettori per i prodotti offerti. Ci penso sfogliando un articolo uscito su Magazine World, il giornale della Associazione mondiale degli editori di periodici (Fipp), un pezzo in cui intervengono editori di tutto il mondo, intitolato The Facts of Digital Life. Si parla di edizioni per tablet dei giornali.

Perché pochi editori sviluppano solo per pochi giornali edizioni per tablet? Edizioni arricchite con video, interattività, gallerie fotografiche, grafica, tabelle interattive, giochi?

Vado a pagina 25 dell’articolo, al paragrafo Innovators and advertisers: innovatori e pubblicità.

Si dice che:

1) Alcune riviste difficilmente svilupperanno edizioni per tablet, altre, invece, possono trarre vantaggio dalla interattività.

2) Ci sono editori che arricchiscono i giornali quando ritengono che questo possa portare a un reale vantaggio.

Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,

La differenza tra edizione digitale, sito web e app nei giornali

Ho ancora le idee confuse sulla differenza tra sito web di un giornale, app per mobile ed edizione digitale dello stesso. Quali i vantaggi dell’uno o dell’altro per un editore, quando puntare su uno in particolare?

Posso dire che un breve articolo di Folio Mag mi ha aiutato a vederci più chiaro. Guardate anche voi.

Per dire, l’app (quel software del giornale che carichiamo sullo smartphone o il tablet e poi vediamo come un’icona) diventa conveniente, nonostante abbia un costo alto di creazione e manutenzione, perché presuppone un uso più frequente da parte del lettore. Solo i più fedeli la scaricano sul proprio smartphone o tablet. Ma garantiranno un maggiore coinvolgimento nell’esperienza di lettura, con più tempo passato sulle pagine del giornale e maggiore partecipazione alla condivisione dei contenuti e al commento.

L’edizione digitale è, anche negli Stati Uniti, una replica della testata di carta, ma non so se questo consolerà chi sogna prodotti arricchiti. Piace ai pubblicitari, che infatti sono disposti a pagare le inserzioni tanto quanto la pubblicità sull’edizione di carta (sappiamo che la carta spunta prezzi più alti, il sito molto meno, lo smartphone pochissimo). Insomma, sull’edizione digitale si può riproporre il modello di business della carta, e i lettori spendono circa 43 minuti per ogni sessione di lettura. Decisamente più di quanto avvenga sul sito e nelle app.

Interessante anche riflettere sull’equilibrio che l’editore deve trovare tra costi e benefici. Questo è un ragionamento maturo, non il volo della fantasia a immaginare edizioni per iPad che nessun lettore può ripagare.

Buona lettura!

Folio: differenza tra app, digital edition, sito web.

Folio

Folio

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,

Sugli editori, lo sviluppo digitale, le copie replica dei giornali e Ads

Cos’è un giornale digitale? Più della realtà e delle infinite potenzialità creative conta la definizione data da editori e pubblicitari, che hanno deciso, attraverso le loro associazioni di categoria, di certificare da gennaio le copie digitali delle testate vendute in Italia. Avremo uno strumento che aiuta a misurare lo sviluppo digitale e il successo di quotidiani, settimanali, mensili online e su mobile.

COPIE CERTIFICATE. Proprio ieri tornavo sul complesso delle azioni promosse dagli editori italiani nel campo del digitale. Avevo trascurato la notizia, peraltro anticipata in un recente post, che da gennaio Accertamenti diffusioni stampa (Ads), cioè l’associazione di editori e pubblicitari incaricata di verificare e certificare le copie dei giornali vendute nel nostro Paese, si preoccuperà di certificare anche le copie digitali degli stessi.

COS’È UN GIORNALE DIGITALE. Nel comunicato di Ads c’è un passaggio che contiene la definizione di cosa sia l’edizione digitale di un giornale. Una descrizione che è funzionale al lavoro che dovrà essere svolto dalla Accertamenti diffusioni stampa. Ma, come tutte le definizioni di natura burocratica, condizionerà il mercato. Anzi, nasce dalle esigenze dei protagonisti del mercato di regolamentarlo e, inevitabilmente, indirizzarlo.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,
Annunci