Archivi tag: Mashable

24 Siti Che Cambiano il Giornalismo (Cronologia Interattiva)

Una cronologia interattiva e multimediale sui 24 siti d’informazione nativi digitali che hanno cambiato il giornalismo. Da Huffington Post a Policy Mic, da Slate.com a Project X: emergono le tendenze portate dal digitale nel mondo della stampa (Usa e non solo)

La timeline di Futuro dei Periodici s’intitola: 24 Siti che hanno cambiato il giornalismo. (Per vederla, è necessario andare al link: non è possibile “inserire” il file nei post di WordPress. La consultazione è lenta su tablet).

E’ stata realizzata da Futuro dei Periodici raccogliendo informazioni nella Rete e prendendo spunto da The State of the News Media 2014 del Journalism Project (Pew Research Center).

Vengono fuori cambiamenti e tendenze del giornalismo.

Il programma è della fondazione Knightlab.

Timeline: 24 siti web che hanno cambiato il giornalismo

 

 

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

24 Siti D’Informazione Che Hanno Cambiato Il Giornalismo

Una cronologia interattiva e multimediale sui 24 siti d’informazione nativi digitali che hanno cambiato il giornalismo. Da Huffington Post a Policy Mic, da Slate.com a Project X: emergono le tendenze portate dal digitale nel mondo della stampa (Usa e non solo)

La timeline di Futuro dei Periodici s’intitola: 24 Siti che hanno cambiato il giornalismo. (Per vederla, è necessario andare al link: non è possibile “inserire” il file nei post di WordPress. La consultazione è lenta su tablet).

E’ stata realizzata da Futuro dei Periodici raccogliendo informazioni nella Rete e prendendo spunto da The State of the News Media 2014 del Journalism Project (Pew Research Center).

Timeline: 24 siti web che hanno cambiato il giornalismo

 

Vengono fuori cambiamenti e tendenze del giornalismo.

Da segnalare:

1) Il mondo del digitale ha dimensioni ancora ridotte rispetto all’industria dell’informazione. Prendiamo i fatturati pubblicitari. Il Pew Research Center stima che i quotidiani statunitensi abbiano raccolto nel 2013 ricavi pubblicitari per 25 miliardi di dollari. I siti d’informazione for profit si fermerebbero a non più di 500 milioni di dollari.

Ma la rilevanza del mondo online sta crescendo. Time Inc, la principale casa di periodici americana, fatturava nel 2012 meno di 600 milioni di dollari. Più o meno negli stessi mesi, la media company digitale Vice Media avrebbe fatturato circa 175 milioni di dollari (100 milioni Huffington Post, 10-15 milioni Mashable, 20 milioni Business Insider).

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Consigli per verificare le notizie dei social network

Dopo le polemiche sulle notizie false o distorte riguardanti l’attentato alla maratona di Boston, si è aperto un confronto negli Stati uniti sui limiti del giornalismo nell’era di Twitter, sul ruolo dei giornalisti professionisti e sulla verifica delle informazioni che circolano nella dimensione digitale.

Riprendo da Mashable una lista di indicazioni e consigli elaborati dalla Bbc su cosa devono fare i giornalisti quando vogliono riprendere notizie, foto, filmati, commenti dai social network allo scopo di verificarne l’esattezza e la credibilità dei contenuti. In altre parole, per fare verifiche sullo user-generated content.

Avvertenza: quelle elencate sono regole di buon senso, adatte ai cronisti. Colleghi di cui avremmo bisogno, anziché pensionarli tutti. Se ne sconsiglia invece la lettura a coloro i quali dovevano fare i maître à penser ma, ingiustamente trascurati dal mondo che conta, hanno ripiegato sul giornalismo.

  • Puoi contattare chi ha postato il materiale, la fonte delle informazioni?
  • Le informazioni e le immagini sono troppo ben rifiniti per essere veri? I falsi sono più belli della realtà.
  • Dove il materiale è apparso per la prima volta online?
  • Puoi controllare la geo-localizzazione (la posizione geografica) della foto o del video? C’è corrispondenza con le mappe di Google Maps?
  • Le strade corrispondono a quelle che si vedono su Panoramio o Google Street View?
  • Le immagini assomigliano a quelle caricate da altri utenti dello stesso luogo?
  • Fai tutti i controlli, secondo la scuola dei vecchi reporter applicata ai nuovi media. Chiediti, tra l’altro: le condizioni meteo che si vedono nelle immagini sono compatibili con quelle descritte dai servizi meteo online per quel luogo e quel giorno? La segnaletica stradale e le targhe delle auto sono del luogo?

Il Punto: come fare i giornalisti in un mondo dell’informazione inondato dallo user-generated content.

Mashable: la verifica delle notizie dei social media.

mashable1-300x194

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

4 esempi di sviluppo digitale dei giornali

Mashable racconta, per voce del giornalista Max Blau di Creative Loafing, quattro esempi di (relativo) successo nello sviluppo digitale di quattro testate, tre delle quali universalmente note: The Economist, The Wall Street Journal, The Atlantic (la quarta è 29th Street Publishing, ma sento odore di comunicazione promozionale).

Perché?

La scommessa per molti editori nel 2013, si spiega, è di far crescere il numero di propri lettori digital.

Come?

The Wall Street Journal punta su aggiornamenti al minuto delle news, produzione di video, politica dei prezzi semplice e chiara.

The Economist vuole essere presente sul maggior numero possibile di piattaforme ed edicole digitali, offre contenuti premium non scontati, il prezzo dell’abbonamento è lo stesso per carta e digitale (i lettori pagano i contenuti, non il media).

The Atlantic vuole raddoppiare i lettori nel digitale per il 2014, ha lanciato un’app per iPhone e sta riflettendo sulla possibilità di introdurre nel proprio sito il paywall, l’accesso a pagamento.

Il Punto: strategie dei giornali per aumentare il numero dei lettori nel digitale.

Mashable: 4 strade per crescere nel digitale

mashable1-300x194

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

I giornali di Hearst escono in anticipo sull’iPad

Negli Stati Uniti i possessori di iPad potranno leggere prima di altri le edizioni digitali dei periodici con il marchio Hearst. In altre parole, Apple offre a chi ha comprato il suo tablet il benefit di poter acquistare 20 testate, tra cui Cosmopolitan, Harper’s Bazaar, Elle, Marie Claire, Esquire, prima che queste vengano messe in vendita in altre edicole online. E prima che i giornali escano in edicola.

Il vantaggio è per l’edicola di Apple, il famoso Newsstand, che anticipa la concorrenza: Zino, Google, Amazon. E per Hearst, che riceve maggiore visibilità nell’edicola digitale. Come per le edicole tradizionali, infatti, avere una posizione di favore, in prima fila, sotto gli occhi dell’acquirente, rappresenta un vantaggio competitivo. Io che vado a comprare il giornale, magari compro anche un altro titolo, ma lo devo poter vedere e apprezzare. E i giornali messi sotto il naso vendono di più. Lo stesso problema si presenta nelle edicole virtuali. I giornali posizionati in alto, vendono. Gli altri, vai a trovarli.

Sono strategie commerciali che, dal punto di vista degli editori, dovrebbero aiutare a incrementare le vendite delle copie digitali. Hearst, negli Usa, afferma di avere circa 800 mila abbonati ai giornali digitali. Ma Cosmopolitan vende oltre 3 milioni di copie cartacee, nell’edicola vera. Ce n’è ancora molta di strada da fare.

Ma c’è un aspetto che merita un maggiore approfondimento: far uscire le versioni digitali in anticipo rispetto alla carta. Su questo ho scritto oggi un altro post. Buona lettura.

Mashable: i giornali di Hearst escono prima nell’edicola di Apple

mashable1-300x194

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,
Annunci