Archivi tag: pc

Tablet a Colazione, Giornale di Sera: Come Cambia la Lettura

Cambia così. Leggi articoli di giornale su tablet a colazione, notizie brevi su smartphone mentre vai a lavoro, aggiornamenti su Pc quando sei in ufficio. E il quotidiano di carta di sera, sul divano, quando hai voglia di interviste e inchieste. Ma solo se e quando hai tempo. Perché in questi mesi è successo qualcosa. Come spiega il designer di media Mario Garcia

DIETA MEDIATICA Pranzo, colazione, cena: quando gli esperti di comunicazione parlano di dieta mediatica, a me viene in mente il cibo che si mangia a tavola.

Invece con il digitale e le nuove tecnologie è cambiato il nostro modo di leggere i giornali.

ADDIO CARTA Riporto due immagini pubblicate nel blog del designer di giornali e media Mario Garcia. Tempo fa Garcia ha inventato il concetto di media quartet: oggi qualsiasi giornale è come una musica che esiste solo se suonata da quattro strumenti insieme, altrimenti non sta in piedi. Sono il giornale di carta, il tablet, lo smartphone, il pc. Ma fino a qualche mese fa il rapporto tra i quattro strumenti era di equilibrio: a seconda del momento della giornata uno di essi prevaleva. Come nel passaggio solistico di un concerto di Vivaldi. Il giornale arrivava tardi, di sera.

Media Quartet 1

Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

L’Anno in cui Abbiamo Rottamato il Computer – Il Boom del Mobile nel 2013

Nel 2013 c’è il boom della pubblicità sul mobile, cioè su tablet e smartphone. E per la fine dell’anno si venderanno più apparecchi di questo tipo che pc. La principale porta d’accesso a internet non è più il computer

PUBBLICITÁ NEL 2013 Riprendo le previsioni diffuse da ZenithOptimedia sulla pubblicità. Sono impressionanti. Dicono che nel mondo, quest’anno, c’è il boom della pubblicità sul mobile. Se guardiamo alle somme di denaro investite, sono decisamente inferiori che sulla tv e nei giornali. Ma il mobile è quello che cresce di più. E continuerà a farlo nei prossimi anni (per il 2015 la pubblicità su mobile sarà pari, a valore, al 25,2% di quella su internet e al 6% del totale).

Il mobile cresce 7 volte più velocemente della spesa pubblicitaria per l’internet da desktop: +77% nel 2013, +56% nel 2014, +48% nel 2015. Complessivamente la spesa su internet cresce invece di APPENA il 10% l’anno.

SMARTPHONE BATTE PC Non c’è da stupirsi, dice l’articolo riportato in link alla fine del post.

Per quest’anno, infatti, si prevede che negli Usa, e a maggior ragione negli altri Paesi, si venderanno più apparecchi mobili che personal computer. E lo smartphone sta diventando lo strumento più utilizzato per entrare in internet.

I GIORNALI C’è qualche parola di conforto per la carta stampata? Sì, nel 2012 la spesa in pubblicità su quotidiani e periodici americani ha comunque superato quella su internet. E nel 2015 sarà ancora così, se si somma la radio alla carta stampata.

Il punto: per il futuro, quotidiani e periodici devono guardare sempre di più al tablet. Lo si dice anche nell’articolo qui sotto: gli editori sono in ritardo nel fornire contenuti per il mobile.

Techcrunchla pubblicità nel 2013.

TechCrunch

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

11 notizie su come è cambiato il giornalismo

Ho letto a fondo il Digital News Report 2013 del Reuters Institute, importante rapporto su come cambia il consumo di notizie  nell’era del digitale. Computer, smartphone, tablet e carta stampata messi a confronto in un’indagine condotta in Europa, Stati Uniti, Brasile, Giappone. Viene fuori anche una descrizione dell’Italia come Paese votato alla dimensione social della comunicazione.

Non ho chiuso bottega, come temeva un amico che mi ha scritto ieri. Anzi, approfittando di qualche giorno di maggiore tranquillità estiva ho trovato utile rileggere uno degli studi sul giornalismo più interessanti e approfonditi della prima parte del 2013. Fare la sintesi di qualcosa che un lettore non ha il tempo di andarsi a vedere: ecco un compito del giornalista che non sarà mai superato. Vale anche per un blogger a tempo perso.

Il Rapporto sulle news digitali del Reuters Insitute risponde ad alcune domande che tutti i giornalisti si fanno.

1) Quando si pensa al modo in cui consumiamo informazione, dobbiamo ricordare che esistono ancora grandi differenze tra Paese e Paese: la cultura nazionale, il reddito, la composizione sociale, le infrastrutture della comunicazione, la politica e la legislazione creano paesaggi diversissimi. Se ne deve ricordare anche un blogger quando è tentato di vedere in una tendenza locale un fatto globale.

2) La carta stampata sta morendo e sarà sostituita dalla distribuzione digitale? La fruizione delle notizie giornalistiche è sempre più multipiattaforma: non c’è il lettore di carta stampata o del digitale. E il 33% dei lettori che legge news digitali utilizza 2 device (es. computer e smartphone), altri (il 9%) ne usano tre (il tablet si aggiunge ai primi due).

3) Il tablet è una novità dirompente nel mondo del giornalismo o solo uno dei tanti strumenti per leggere notizie? Il numero di coloro che usano il tablet per cercare e leggere notizie è raddoppiato nel giro di dieci mesi in molti dei Paesi europei passati al setaccio dal Reuters Institute. In Danimarca siamo al 25% dei lettori complessivi.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Con il tablet si leggono più magazine

Uno studio americano rivela che 2 proprietari di tablet su 5, negli Usa, leggono quotidiani o magazine sui loro device. Uno su 10 legge una pubblicazione al giorno.

I periodici hanno un indice di lettura ancor superiore, con il 39,6 per cento dei proprietari di tablet che legge periodici ogni mese.

«I tablet stanno ridefinendo il modo in cui la gente consuma informazione e notizie, e spingono a leggere di più e per un tempo più lungo rispetto a pc e smartphone».

Contrassegnato da tag , , , , , ,
Annunci