Archivi tag: pdf

2/Perché Non si Fanno Giornali per Tablet – Magazine World di Fipp

Il Punto: i giornalisti si lamentano perché gli editori sono lenti nello sviluppare il digitale di periodici e quotidiani. Sembra incredibile che nessuno faccia un’edizione per tablet delle principali testate. E che ci si accontenti di copie da sfogliare in Pdf. Ma come sempre la verità scaturisce al punto d’incontro tra creatività e convenienza economica

Già, la convenienza economica. Ma anche l’interesse dei lettori per i prodotti offerti. Ci penso sfogliando un articolo uscito su Magazine World, il giornale della Associazione mondiale degli editori di periodici (Fipp), un pezzo in cui intervengono editori di tutto il mondo, intitolato The Facts of Digital Life. Si parla di edizioni per tablet dei giornali.

Perché pochi editori sviluppano solo per pochi giornali edizioni per tablet? Edizioni arricchite con video, interattività, gallerie fotografiche, grafica, tabelle interattive, giochi?

Vado a pagina 25 dell’articolo, al paragrafo Innovators and advertisers: innovatori e pubblicità.

Si dice che:

1) Alcune riviste difficilmente svilupperanno edizioni per tablet, altre, invece, possono trarre vantaggio dalla interattività.

2) Ci sono editori che arricchiscono i giornali quando ritengono che questo possa portare a un reale vantaggio.

Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,

Quotidiani, copiate i periodici – Consigli per il Washington Post

Sviluppare prodotti digitali che cambino la veste grafica vetusta dei quotidiani. Spezzare la schiavitù delle copie replica in Pdf. Imitare la freschezza dei periodici nello sperimentare nuove forme di design. Sono i consigli di un veterano dell’industria a Jeff Bezos, fondatore di Amazon e nuovo proprietario del Washington Post

CONSIGLI AI QUOTIDIANI I consigli vengono dispensati da uno che se lo può permettere, quel Frédéric Filloux, collaboratore del Guardian, che guida il consorzio francese ePress. Sulla Monday Note per il quotidiano britannico, Filloux si rivolge a Bezos, fondatore di Amazon, per ragionare sulle possibili strategie per il Washington Post, comprato a inizio agosto da Bezos. Una riflessione che vale la pena riprendere perché tocca tutti i quotidiani, incerti sul passaggio al digitale.

I PERIODICI SONO PIU’ INNOVATIVI Riporto solo un passaggio, riguarda il design e il taglio dei contenuti del Washington Post. Come svecchiare un quotidiano che sfida la pazienza del lettore quanto a veste grafica? Filloux addita il mondo dei periodici. Sono sempre stati all’avanguardia, dice. Le innovazioni grafiche, nella carta stampata, sono sempre arrivate dalle riviste, per passare poi ai quotidiani.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Il giornale con immagini in 3D e altre innovazioni dei periodici nel 2013

Quante innovazioni nei periodici. Domina la sperimentazione sul digitale e l’arricchimento sensoriale. Cosa vuol dire? Lo spiega Innovations in Magazine Media, pubblicato dall’associazione internazionale degli editori di periodici. Non mancano alcune curiosità.

L’obiettivo di molte innovazioni è di rendere l’esperienza di lettura dei periodici più intensa, più sensoriale, più visiva.

C’è My-Agazine, la personalizzazione delle copertine e dei contenuti. Nel marzo del 2012 Hearst ha inviato a 300 mila abbonati di Harper’s Bazaar una copia della rivista fatta su misura, con il nome del lettore stampato sul numero. Un “trucco” che incrementa la circolazione e attrae inserzionisti.2013-04-25-1InnovationsinMagazineMedia2013CoverCourtesyFIPP

Gli studenti del Royal Institute of Technology di Svezia hanno fatto sperimentazione sull’arricchimento sensoriale con progetti di ologrammi e speciali lenti a contatto per vedere dei video.

Con l’ologramma l’immagine di un’auto, associata a un numero di una rivista, diventa tridimensionale ed è possibile ammirare il modello da tutti i punti di vista, girandogli intorno. Bizzarria o sviluppo?

 

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

I lettori di giornali su tablet non vogliono interattività

I lettori di giornali su tablet non vogliono l’interattività: video, animazioni, grafica innovativa. Lo ha detto ieri il presidente di Hearst, David Carey, al Media Summit di Mashable, a New York.

“Dovevamo capire se i lettori delle nostre testate volevano qualcosa di completamente nuovo e interattivo o se invece desideravano semplicemente leggere i giornali su smartphone e tablet” ha detto Carey. “L’industria, inizialmente, si è data da fare con l’interattività. Quel che abbiamo scoperto è che la maggior parte della gente vuole soltanto il prodotto in sé”.

L’articolo di Mashable ricorda che nel 2010 Hearst ha fatto uno sforzo speciale per dare ai lettori contenuti coinvolgenti e interattivi. Esquire e O: The Oprah Magazine erano usciti con video, grafiche animate che ruotavano di 360 gradi, illustrazioni che si animavano con un tocco, contenuti audio supplementari.

Ma c’è stato un passo indietro. I contenuti multimediali sono stati ridotti. Le app non funzionavano bene, erano instabili, i lettori scrivevano pessime recensioni.

Il presidente di Hearst è intervenuto su altri aspetti cruciali dell’editoria moderna.

Non è mancata la professione di fede sul futuro dei periodici. Fiducia dimostrata con i fatti. L’editore americano, presente in decine di paesi inclusa l’Italia, ha continuato in questi mesi nella politica dei lanci con l’uscita di Food Network Magazine, che vende 1 milione e mezzo di copie, e HGTV Magazine, con un milione di abbonati.

Infine un’osservazione sulla capacità dei giornali di vendere prodotti. Di fare e-commerce.

Ricorderete le vendite congiunte, i giornali accompagnati da dvd, cd, collane e borsette, le edicole trasformate in bancarelle sulla spiaggia. Il mondo digitale apre nuove strade per compensare questa fonte di ricavo ormai esaurita.

“E’ proprio quello su cui stiamo lavorando” conclude Carey. “Un’occasione da non perdere per i lettori. E per gli editori, che potranno aumentare i ricavi. Faremo in modo che voi possiate toccare quel che c’è sullo schermo e comprarlo. Deve avvenire in modo fluido: senza attrito”.

 

M’interessa perché: 1) come saranno i periodici del futuro, su tablet? 2) trovare un modello di business: come fare ricavi con i giornali sul digitale.

 

Chi lo dice: “Mashable, social Media news blog covering cool new websites and social networks: Facebook, Google, Twitter, MySpace and YouTube. The latest web technology news …”.

 

I lettori non vogliono interattività

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,

Versione per iPad di Grazia Uk: novità nella pubblicità

Il Gruppo Bauer lancia la versione iPad di Grazia UK.

La testata, che fa parte del network internazionale di Mondadori, e che in Gran Bretagna è pubblicata dai tedeschi di Bauer, vende iun edicola 190 mila copie.

La versione per iPad è considerata innovativa, per il momento, dal punto di vista della pubblicità. Cliccando sugli annunci di moda, cosmesi, prodotti per il benessere, è possibile acquistarli, commentarli, condividerli sui socialnetwork.

L’editore ha detto che considera questa versione come il primo passo verso un giornale digitale con una maggiore “funzionalità”.
Il direttore, Jane Bruton, ha spiegato: «I nostri lettori si attendono qualcosa di più di un Pdf di Grazia sull’iPad». E quel qualcosa di più, per il direttore e per l’editore, è la pubblicità interattiva.

M’interessa perché: 1) spiega cosa può offrire al lettore la versione digitale di un giornale; 2) gli editori iniziano a muovere i primi passi con le versioni per tablet dei giornali.

Print Week: lancio versione iPad di Grazia

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Ricerca negli Usa/ Perché i periodici sono ancora necessari

Dicono che alla gente i settimanali e i mensili non interessano più. Dicono che la pubblicità se ne va su altri media, da internet alle televisioni digitali. E non lo sapete che i ragazzi, come mio figlio di 16 anni, non leggono più i giornali? Mentre i newsmagazine sono formule informative morte e defunte.

C’è del vero in tutto questo, come il mio blog ha chiarito (innanzitutto a me stesso) attraverso 100 e più post con notizie, studi, commenti sulla crisi della carta stampata.

Ma quando alle considerazioni delle persone preparate si somma il coro di quelli che la sanno sempre più lunga (ma non sanno niente e sono solo dei pappagalli), pronti a bastonare il corpo caduto a terra, viene voglia di reagire. Non si lincia chi è in difficoltà. E state attenti alla reazione fiera di qualcuno che ha dato molto.

Veniamo al dunque. I magazine possiedono ancora una forza di attrazione per i lettori e per i pubblicitari. La natura di questo medium è unica e non ancora eguagliata dal nuovo che avanza.

Lo ricorda e spiega uno studio pubblicato nella prima parte del 2012 dall’Association of Magazine Media (Mpa), associazione degli editori di periodici statunitensi (175 editori, 900 pubblicazioni): Magazine Media 2012/2013. C’è una componente autopromozionale nei dati e nei commenti che sto per riportare. Ma aiutano a capire che i periodici sono un prodotto che conserva caratteristiche utili a molti. Sia i giornali di carta sia i “pidieffoni” (le copie in pdf dei giornali scaricabili online) sia le versioni digitali più o meno originali.

Perché i magazine sono efficaci?

Perché il lettore spende in media 41 minuti su ciascun numero di una rivista: strabiliante. I contenuti e la pubblicità vengono “assorbiti” più in profondità che su altri mezzi.

I consumatori si fidano dei periodici e la pubblicità pubblicata su questi giornali è ritenuta più credibile di quella televisiva, radiofonica o di internet.

I magazine sono un medium universale: il 92% degli americani legge periodici, inclusi i millennials, i giovani nati negli anni Novanta o subito dopo.

Legge periodici il 92% degli adulti.

Legge periodici il 95% degli under 35.

E, udite udite, legge periodici il 96% dei giovani sotto i 25 anni. LEGGE PERIODICI.

L’età media dei lettori di periodici è vicina all’età media degli americani (45.8 anni).

Utenti di Internet: 41,4 anni.

Radio: 44,4 anni.

Periodici: 44,8 anni.

Televisione: 46,6 anni.

Quotidiani: 48,2 anni.

Ancora sui giovani. Sono coloro che consumano con maggior frequenza i periodi.

Ai pubblicitari interesserà sapere che (ma lo sanno già, anche se fanno finta di no, in questo periodo in cui si possono pretendere sconti incredibili sulle tariffe):

i 25 periodici più letti e diffusi degli Usa raggiungono più adulti e teenager della televisione; quando esce un numero del giornale, il numero di lettori che lo sfoglia continua a crescere per molti giorni (l’esperienza di lettura, e la ricezione della pubblicità, non si ferma nei primi giorni ma va avanti per almeno 10 giorni, e il messaggio produce effetti su un arco di tempo lungo); i lettori non vanno mai in vacanza e il numero rimane nei 12 mesi più costante che per la televisione, la radio, internet (i cali stagionali sono contenuti).

M’interessa perché: 1) i periodici conservano una ragione d’essere; 2) facile sparare su chi sta male, ma tante presunte verità sui periodici, entrate nei discorsi di tutti i giorni, sono forse luoghi comuni.

Il punto: capire se i periodici sopravviveranno, e conserveranno un interesse e un’utilità, dopo la crisi economica e con la transizione al digitale.

Mpa: factbook 2012/2013

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Annunci